“libere idee interviste”: Nicoletta Iacaparo 3 aprile 2016

“LIBERE IDEE INTERVISTE-A DOMANDA RISPONDE” 29:

NICOLETTA IACAPRARO                 30 marzo 2016.

 

Incontro la scrittrice napoletana Nicoletta Iacapraro, donna simpaticissima ed estrosa i cui studi sono stati di antropologia e sociologia. Vive e lavora a Napoli.

 

  • Benvenuta Nicoletta a “libere idee interviste”, parlami un po’ di te e come ti sei avvicinata alla scrittura.

Fin da bambina ho amato la lettura, e ho utilizzato la scrittura, come canale preferenziale di comunicazione. Da curiosa cronica, a parte gli studi e il lavoro, ho sempre avuto la volontà di esplorare “altri mondi” da vicino: il volontariato in particolare, e la scrittura, per conoscerla più da vicino.

 

  • Fai parte dal 2010 della “compagnia di scrittura” della casa editrice Homo Scrivens con cui hai partecipato a varie antologie e grazie a questa casa editrice hai pubblicato la tua raccolta di racconti “la donna invisibile”; parliamo di questa raccolta, chi è “la donna invisibile”? e cosa rappresenta per te?

La donna invisibile nasce con l’idea di raccontare il “non detto”, “ciò che non si vede”. Ho scelto punti di vista specifici e, dopo aver abbozzato le prime storie, ho avvertito la necessità  di creare un filo conduttore tra i racconti.

C’è un luogo, dove i protagonisti si ritrovano, il Gran Caffè , che nel mio immaginario narrativo é il Gran Caffè Gambrinus, che descrivo negli spazi e nelle atmosfere.

Poi i personaggi, di volta in volta, hanno avuto l’esigenza di recarsi nella toilette del locale, e non sempre per motivi fisiologici.

È lì che ho trovato la narratrice, la donna invisibile, che è l’addetta alle pulizie dei bagni. Osserva gli avventori in fila, nell’arco di una giornata: osserva, scruta in silenzio, ascolta. Con il suo “potere” attraversa ogni singola vicenda, facendo emergere un particolare visibile. Manie, timori, desideri, sentimenti inconfessabili, soprusi, il vivere in un posto diverso dal proprio, violenze, si susseguono nell’ordinarietà del quotidiano, rendendolo, in qualche maniera, straordinario.

 

  • Qual è il messaggio che hai voluto trasmettere con questa raccolta?

Ho voluto fermare momenti di vita e raccontarli dal di dentro. Un invito a riflettere, a guardare oltre la natura umana, e a non dar nulla per scontato. Con una massiccia dose di ironia, e senza alcun giudizio. Sono visioni, in cui, grazie all’occhio della donna invisibile, sono entrata. Lei non interloquisce mai con gli avventori del Gran Caffè,  ma si concede, a margine di ogni racconto, l’annotazione di un pensiero e della mancia, che è un oggetto, sui resti della carta igienica, l’unico oggetto di cui dispone per esprimersi.

 

  • Credi che ci siano parecchie “donne invisibili”nella nostra società? Donne che osservano, scrutano, annotano riflessioni e curiosità?

Mi piace pensare che sia così. Molte donne, restano in silenzio, a guardare, ma hanno la piena consapevolezza di ciò che accade intorno a loro. In molti casi sono ultime, nè viste nè guardate, e per questo restano immobili. Fino a un certo punto. Come accadrà per la mia donna invisibile.

 

  • “homo scrivens” è una piccola ma gagliarda e sempre molto produttiva casa editrice, cosa pensi della piccola editoria che purtroppo trova sempre poco spazio ed è fagocitata dai grandi editori.

La piccola editoria sforna prodotti di qualità, con Homo Scrivens, in questi anni, ho avuto modo di leggere libri, prima di tutto, scritti bene e con spunti narrativi innovativi e originali. L’editore, Aldo Putignano, che è anche conduttore con Giancarlo Marino della Bottega della Scrittura Homo Scrivens, ha un entusiasmo e una cura della buona lettura e scrittura fuori dal comune. È stata una grande fortuna averli incontrati: hanno accresciuto la mia passione per la parola scritta, fornendomi gli strumenti necessari per poterla utilizzare al meglio. Nel 2014 ho frequentato il Laboratorio di scrittura comica e umoristica Achille Campanile, un’altra eccellenza della nostra città, un’esperienza esilarante grazie ai due docenti, Pino Imperatore e Edgardo Bellini. Con loro ho imparato a riflettere sul significato delle parole e sulla loro eleganza intrinseca.

 

  • Continuerai a far promozione de “la donna invisibile”?

Ne ho una voglia smisurata, soprattutto di incontrare altre forme creative, altri modi di narrare. E vedere cosa succede.

 

Ti ringrazio per la disponibilità ed un in bocca al lupo sentito!

Grazie a te Daniela, un caro saluto a tutti i lettori di Libere idee.

 

DANIELA MEROLA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: